IMU 2012

Come noto, l’art. 13, DL n. 201/2011, c.d. “Salva Italia”, ha anticipato al 2012 l’applicazione, in via sperimentale, dell’IMU che sarà, quindi, applicata in tutti i Comuni dal 2012 al 2014, in via sperimentale e dal 2015 a regime.

Il comma 3 del citato art. 9 dispone che, in generale, il versamento dell’imposta per l’anno in corso

va effettuato in 2 rate di pari importo (50%) rispettivamente entro il 16.6 e il 16.12.

Per il 2012, quindi:

  • l’acconto doveva essere versato entro il 18.6.2012 (il 16.6 cadeva di sabato);
  • il saldo va versato entro il 17.12.2012 (il 16.12 cade di domenica).

ACCONTO IMU 2012

Il comma 12-bis del citato art. 13 dispone che l’acconto IMU 2012 andava versato “senza applicazione di sanzioni ed interessi” applicando le aliquote e le detrazioni di base, ossia nella misura prevista dalla legge statale.

In merito il MEF nella Circolare 18.5.2012, n. 3/DF ha specificato, in particolare, che le aliquote e le relative detrazioni IMU deliberate dal Comune prima del 18.6.2012 non potevano essere considerate definitive.

Si rammenta che l’acconto IMU 2012:

  • per l’abitazione principale e relative pertinenze poteva essere versato:

- in 2 rate, la prima entro il 18.6.2012 e la seconda entro il 17.9.2012, pari ad 1/3 dell’IMU calcolata applicando l’aliquota e la detrazione di base;

- in unica soluzione entro il 18.6.2012, pari al 50% dell’IMU calcolata applicando l’aliquota e la detrazione di base;

  • per i fabbricati rurali strumentali era pari al 30% dell’imposta calcolata applicando l’aliquota di base e andava versato in un’unica soluzione entro il 18.6.2012;
  • per i fabbricati rurali da iscrivere al Catasto edilizio urbano entro il 30.11.2012, non era

dovuto, in quanto l’intera imposta va versata in un’unica soluzione entro il 17.12.2012 applicando l’aliquota deliberata dal Comune.

 

SALDO IMU 2012

Entro il 17.12.2012 va versato il saldo dell’imposta dovuta per il 2012 con conguaglio sull’acconto.

Per l’applicazione delle aliquote definitive 2012 va, innanzitutto, verificato se il Comune, entro il 31.10.2012, ha deliberato aliquote e/o detrazioni IMU diverse da quelle “base”.

Se il Comune non ha deliberato specifiche aliquote IMU o specifiche detrazioni vanno applicate le

aliquote e le detrazioni “base” previste dalla norma.

Al fine del calcolo del saldo IMU da versare entro il 17.12.2012 occorre:

  • determinare l’imposta effettivamente dovuta per il 2012, applicando le aliquote / detrazioni deliberate dal Comune;
  • sottrarre da tale importo quanto versato a titolo di acconto;
  • suddividere il saldo tra la quota dovuta al Comune e quella destinata allo Stato.

 

Il versamento dell’IMU va effettuato utilizzando il mod. F24. A tal fine l’Agenzia delle Entrate, con

il Provvedimento 12.4.2012, ha approvato il “nuovomod. F24 sostituendo, nello specifico, la “SEZIONE ICI E ALTRI TRIBUTI LOCALI” con la nuova “SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI” e il campo “detrazione ICI abitazione principale” con “detrazione” per l’indicazione della detrazione spettante per l’abitazione principale e relative pertinenze.

Per il versamento dell’IMU il contribuente può utilizzare in compensazione i crediti tributari / previdenziali a disposizione.

PER OFFRIRTI UNA MIGLIORE ESPERIENZA QUESTO SITO UTILIZZA DEI COOKIE. CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE ACCONSENTI ALL'UTILIZZO DEI COOKIE. PER MAGGIORI INFORMAZIONI E PER SAPERE COME MODIFICARE LE TUE PREFERENZE CONSULTA LA NOSTRA PRIVACY&COOKIE POLICY.